30/10/2021 TRIESTE – Da Campo San Giacomo i manifestanti “No Green Pass” lanciano la proposta di un corteo il giono di San Giusto. Il sindaco Roberto Dipiazza, intanto, avanza l’ipotesi di un’ordinanza anti assembramento per scongiurare la recrudescenza dei contagi. || “Sto valutando, se possibile, di emanare un’ordinanza di divieto di assembramento, perché, se torniamo in zona gialla, è un disastro per la città”. E’ la preoccupazione del sindaco Roberto Dipiazza a fronte dell’aumento di contagi Covid collegati anche alle manifestazioni “No Green Pass”.Il sindaco sta valutando se, effettivamente, ci sono le premesse per agire in tal senso, rimarcando il rispetto del diritto a manifestare garantito dalla Costituzione. Oggi Dipiazza ha anche avuto un incontro con il prefetto, manifestando la sua preoccupazione per il contenimento del contagio.Anche il Governo si è espresso oggi in merito alla questione, precisando in una nota che “le misure saranno commisurate e varate su basi scientifiche legate all’andamento della pandemia e alla prosecuzione della campagna vaccinale”. L’intento, però, rimane quello di evitare, se possibile, le restrizioni per un eventuale recrudescenza dell’infezione.Intanto oggi il coordinamento 15 ottobre ha rilasciato una nota, lamentando la mancanza di una risposta formale del Governo sulle richieste dei No Green Pass: ovvero levare l’obbligo vaccinale ai sanitari, ritirare l’obbligo del certificato verde e chiedere scusa pubblicamente per lo sgombero del Porto di Trieste. Nel comunicato si afferma che “il coordinamento 15 ottobre prosegue nel suo impegno, al fianco di Stefano Puzzer e di tutte le piazze italiane, per sgretolare il castello di carta e sfidare tutti in un confronto diretto nel merito delle questioni”: richiamata la discesa in campo di tutte le categorie, anche degli studenti.Un po’ quello quello che è successo nel pomeriggio in campo san Giacomo: circa 200 manifestanti chiamati dal Coordinamento “No Green Pass Trieste” si sono trovati per capire come proseguire con le proteste. È stata avanzata la proposta di ritrovarsi a San Giusto mercoledì prossimo alle 14.30 per un nuovo corteo contro il certificato verde. (Servizio di Gianluca Paladin)


videoid(-FeexkwtsOo)finevideoid-categoria(tg)finecategoria