26/11/2021 TRIESTE – Un costo di 4 milioni e mezzo di euro, poco più di un anno e mezzo di lavori: è partito l’intervento di riqualificazione dell’ex meccanografico, al termine del quale, in riva Ottaviano Augusto, si insedieranno gli uffici di Esatto e alcune strutture dell’assessorato ai Servizi Sociali. || La soddisfazione per l’avvio del cantiere che ristrutturerà l’ex meccanografico di riva Ottaviano Augusto, dove a lavori finiti si insedieranno Esatto ed alcuni uffici dell’assessorato comunale ai Servizi Sociali, non impedisce al sindaco Dipiazza di riflettere, sollecitato in tal senso, sui tempi lunghi necessari per risolvere la faccenda: che parte negli anni Ottanta con la realizzazione dell’edificio da parte delle Ferrovie, continua con l’acquisizione dell’immobile da parte del Comune (era il 2005), e il cui recupero era diventato una priorità per Palazzo sipario, mentre lo stabile si stava trasformando in una sorta di pustola a cielo aperto.In ogni caso, si parte, come hanno sottolineato il sindaco e l’assessore ai Lavori Pubblici Elisa Lodi che così riassume l’intervento affidato alla ditta Riccesi.I lavori, si diceva, sono già partiti: e dovrebbero concludersi in tempi ragionevolmente brevi, considerando le dimensioni dell’intervento.Il sindaco Dipiazza ha inteso sottolineare come l’avvio dei lavori di fatto apra in maniera incontrovertibile la partita sull’intera zona, annunciando anche novità per quel che concerne il dissequestro della piscina terapeutica. – Intervistati ROBERTO DIPIAZZA (sindaco di trieste), ELISA LODI (assessore comunale ai lavori pubblici) (Servizio di Umberto Bosazzi)


videoid(ZzZgzylxQt8)finevideoid-categoria(tg)finecategoria