TRIESTE – SECONDA SCONFITTA IN 3 GIORNI PER L’ALLIANZ: CANTU’ NE HA DI PIU’ || Seconda sconfitta in 3 giorni per l’Allianz, al rientro dopo un mese e mezzo di stop causa Covid. I segnali di miglioramento ci sono, ma ancora non sufficienti a portare a casa i due punti al PalaBancoDesio. Contro la formazione allenata dall’ex Cesare Pancotto, i ragazzi di Dalmasson soffrono ancora una volta allo start: il lungo Kennedy e il playmaker tascabile“Jazz” Johnson ci mettono tutto il loro talento nel 12-7 iniziale. Al calare del ritmo, che mette inizialmente a dura prova i polmoni dei biancorossi, i triestini iniziano a farsi rispettare in area con Grazulis e Hudanoh. E sarà proprio l’ex Reyer il migliore in campo per coach Dalmasson. Il controbreak di Trieste permette di tornare a contatto, prima, e pareggiare poi a inizio secondo quarto con la bomba di Fernandez. L’Allianz trova il primo vantaggio con Henry e poi tocca il +5 grazie alla coppia Fernandez-Doyle. La partita è sporca, le percentuali di tiro sono basse e diventa sempre più una battaglia vecchia maniera. Le giocate di sacrificio premiano Cantù che, con Woodard e Leunen, torna in testa e con le trovate di Pecchia e Kennedy chiude metà incontro sul 34-31.
Nella ripresa la battaglia continua nei pressi del ferro. Udanoh è il faro dei biancorossi in pitturato e c’azzecca pure dalla lunga distanza. Sul fronte opposto però Pecchia è indemoniato propizia il +7 e trascina i compagni di squadra. L’Allianz prova a reagire con la difesa a zona ma Woodard trova buoni tiri e porta i padroni di casa sul +10. Sono Udanoh ed Henry a riportare i giuliani sul 46-40 a fine terzo quarto. L’ultimo periodo si apre con un parziale di 8-0 a favore dell’Allianz: Delia, fresco di prolungamento del contratto produce per se stesso e la squadra. Purtroppo però è un fuoco di paglia: Cantù colpisce ripetutamente dall’arco con Johnson e in pitturato con Kennedy. Il 13-3 sostanzialmente chiude il match insieme alle giocate negli ultimi minuti di Kennedy che, scongiurato il taglio, aggiunge pure 11 rimbalzi e 7 stoppare ai 21 punti dal campo. Doyle e Alviti tentano l’estrema rimonta che frutta il decoroso finale: 73-67. Domenica a Trieste arriva Trento e bisogna correre per recuperare la condizione. (Servizio di Marco Stabile)


videoid(JF1KJzaGcq4)finevideoid-categoria(tg)finecategoria