TELEQUATTRO | Medianordest

TRIESTE | L’UNIONE VINCE IN RIMONTA A BOLZANO CON LA ROVESCIATA DI MENSAH

TRIESTE – L’UNIONE VINCE IN RIMONTA A BOLZANO CON LA ROVESCIATA DI MENSAH || Triestina grande con le grandi. Dopo pareggio con il Padova, più che altro vittoria negata a mezzo fischietto, e quella ottenuta in casa col Perugia l’Unione chiude il 2020 con botto piegando il SudTirol capolista. Una vittoria arrivata in rimonta grazie alle giocate dei due attaccanti – Granoche e Mensah – che rimette a posto pure la classifica: ora i rossoalabardati sono al sesto posto, a meno 5 punti dalla vetta.
La cronaca propone i primi vagiti di occasione da goal al 22esimo, ma la conclusione di Boultam viene deviata. Al 26esimo la doccia gelata: cross al centro di Fabbri e girata al volo di Fischnaller. Colpo di bravura dell’attaccante altoatesino che, vedremo in seguito, verrà superato anche a livello di spettacolarità.
La squadra di Pillon reagisce bene: prima Mensah e poi di nuovo l’olandese mettono sotto pressione Poluzzi con le loro incursioni. La Triestina è viva e lo dimostra colpo su colpo. Il Sudtirol, invece, ci riprova con Fischnaller prima e con Beccaro poi. Metà gara si chiude con i padroni di casa in vantaggio, ma l’inerzia della gara si ribalta a pochi istanti dalla ripresa del gioco.
La condizione di Davis Mensah è debordante e i difensori avversari ne fanno le spese: l’attaccante si intrufola tra le linee e viene messo a terra dal portiere. Per una volta gli dei del calcio non hanno da ridire. Penalty sacrosanto. Granoche dal dischetto mette a segno la sua prima rete stagionale. Poi la gara si infiamma: Rover impegna Offredi nella più classica delle reazioni. Poi Mensah si rifà vedere in attacco su cross di Brivio. Gli uomini di Vecchi ci provano ancora su punizione con Casiraghi e poi con un bel colpo di testa di Karic. Mensah è indemoniato e la sua girata meriterebbe più fortuna, ma Poluzzi respinge. Il meglio però arriva nel finale. Petrella scodella un pallone rimbalzante in area e la pantera dell’Unione non ci pensa due volte: rovesciata e goal da spellarsi le mani. Esultanza liberatoria e giù sdraiato sull’erba a santificare l’impresa di giornata. La rete, peraltro, arriva con una rovesciata di destro, il piede opposto che ci si aspetterebbe rispetto al movimento del corpo, puro istinto. L’estremo difensore va letteralmente a farfalle. Meglio di così non poteva davvero andare. Un panettone, in casa Unione, molto più dolce del previsto. (Servizio di Marco Stabile)


videoid(WzPIEWu86Fw)finevideoid-categoria(tg)finecategoria

Exit mobile version