TRIESTE – IL NUOVO QUESTORE: “ATTENZIONE PARTICOLARE ALLA ROTTA BALCANICA” || Trieste, quale città di frontiera, deve avere un’attenzione particolare a quelle dinamiche patologiche che talvolta possono interessare queste aree. Così il neo questore di Trieste, Irene Tittoni, parlando di immigrazione e rotta balcanica, nel giorno del suo insediamento. Gli arrivi attraverso la rotta balcanica creano problemi di sostenibilità anche dal punto di vista sanitario – ha detto – quello che si può fare è lavorare sulla cooperazione. E nel suo lungo percorso professionale, dedicato quasi integralmente alle tematiche migratorie, Irene Tittoni, che subentra da oggi a Giuseppe Petronzi, ha svolto un ruolo di rilievo nell’ambito della cooperazione transfrontaliera. Tra le linee guida enunciate, anche il rafforzamento del dialogo con la cittadinanza, termometro di uno status di condizioni attualmente buone per quel che attiene la sicurezza in città.
Il primo atto del nuovo questore, una corona depositata nel famedio della Questura per ricordare tutti i caduti della polizia, in particolare Matteo e Pierluigi. (Servizio di Laura Buccarella)


videoid(nb-qU7LCm4I)finevideoid-categoria(tg)finecategoria