13/01/2021 TRIESTE – “GIOVANI, SENZA PIU’ RAPPORTI SOCIALI PRONTI A CONTESTARE LE NUOVE REGOLE” || Cosa c’è dietro l’ondata di episodi violenti, e la voglia di trasgressione che, in queste ultime settimane, anche a Trieste vedono protagoniste, in negativo, le generazioni più giovani?
Ha cercato di rispondere ad una domanda che rischia di diventare fondamentale, Elisabetta Maresio, psicologa, nostra ospite questo pomeriggio, partendo da una considerazione generale.
In altri termini, i ragazzi, dall’inizio della pandemia, da un lato hanno visto sbriciolarsi i rapporti sociali (la scuola, lo sport, la cultura), e in maniera magari meno evidente anche quelli familiari: risultato, sono saltate le regole basiche, sostituite da quelle imposte dall’emergenza sanitaria: indossare la mascherina, niente assembramenti e incontri fra amici.
Su una situazione già compromessa, è il ragionamento della dottoressa Maresio, la seconda ondata della pandemia ha avuto un effetto devastante.
In linea di teoria, tutto ciò potrebbe non giustificare, ma spiegare ad esempio la bravata dei 17 studenti in Gretta.
Laddove, se risulta difficile comprendere la violenza nei confronti del Nonno Paletta, in questo caso un dato è assolutamente incontrovertibile. (Servizio di Umberto Bosazzi)


videoid(A_LCrDrb6TQ)finevideoid-categoria(tg)finecategoria