23/01/2021 TRIESTE – IL PREFETTO SOSPENDE L’ATTIVITA’ DEL BAR AL FORO: SE RIAPRE SCATTA IL SEQUESTRO || C’è voluto l’intervento del Prefetto per bloccare la protesta del Bar al Foro che, nonostante reiterate multe e provvedimenti di chiusura, è continuato a rimanere aperto servendo caffè e brioches ai clienti senza rispettare regole e orari imposti dalla normativa anti Covid e, in particolare, dalla zona Arancione.
Il prefetto di Trieste, Valerio Valenti, ha disposto con un’apposita ordinanza la chiusura per trenta giorni dell’esercizio commerciale di Foro Ulpiano 6 a Trieste.
“Il titolare dell’esercizio commerciale, perseverando nell’azione di protesta con modalità non consentite dalle vigenti disposizioni – scrive il Prefetto Valenti nel provvedimento – lede gli interessi primari che le norme attuali vogliono tutelare. Si possono comprendere la grave situazione attraversata da tanti esercizi commerciali e le preoccupazioni e i problemi che i titolari degli stessi devono affrontare, e questi ultimi troveranno sempre nella mia persona un interlocutore attento e operativo, – ha aggiunto il Prefetto Valenti – ma quello che è accaduto e che, secondo le manifestate intenzioni, si vuole continuare a fare, non può essere consentito anche perché si fornisce terreno fertile per estemporanei atteggiamenti di altri soggetti che debordano in azioni prive di qualsiasi possibilità di giustificazione mettendo a rischio l’ordine e la sicurezza pubblica”. In pratica, dopo la pausa per il weekend, qualora il titolare dovesse riaprire l’attività lunedì mattina vi sarebbero gli estremi per far scattare immediatamente il sequestro del locale. “Mi auguro – ha concluso il Prefetto – che il titolare voglia cessare da questo atteggiamento anche per evitare ulteriori e più gravi fasi dell’azione sanzionatoria” . (Servizio di Marco Stabile)


videoid(YQAh7YDIAVE)finevideoid-categoria(tg)finecategoria