27/01/2021 TRIESTE – VENEZIA GIULIA ECONOMICA: LE RICETTE PER RIPARTIRE DOPO LA PANDEMIA || Sviluppare i punti di forza della Venezia Giulia e potenziare i settori più carenti: è stato questo il tema al centro dell’incontro organizzato dalla Camera di Commercio assieme a The European House – Ambrosetti intitolato “Venezia Giulia 2025 – Strategie e azioni per la competitività”.
Insomma, una ricetta per la ripartenza dopo la pandemia.
Poi il ragionamento sull’intermodalità: “con i nostri porti, interporti e lo scalo aereo multimodale lavoriamo assieme ad Austria, Ungheria e Centro Europa e possiamo dar vita a una piattaforma logistica di livello mondiale” ha spiegato il governatore della Regione Fedriga.
Mentre il presidente del Porto Zeno D’Agostino, ragionando sul Recovery Fund ha posto l’accento sulla differenza tra Genova e Trieste: la città ligure ha presentato un solo maxi progetto da 500 milioni di euro e Trieste per ben 70 piccoli progetti richiede 388 milioni. Poi si è soffermato sull’importanza dell’integrazione tra porto e industria.
Oltre al grande sviluppo ferroviario dello scalo, D’Agostino ha anche posto l’accento si traffici carpiti ai porti nordeuropei e Capodistria, la chiusura della ferriera che consentirà di allargare il porto e con lo scalo tedesco di Amburgo che guarda a Trieste per intercettare la via della seta con la Cina. (Servizio di Gianluca Paladin)


videoid(FLRzjc15eMM)finevideoid-categoria(tg)finecategoria