22/02/2021 TRIESTE – FERITO E GETTATO IN MARE: ‘VOGLIO RINGRAZIARE LA RAGAZZA CHE MI HA SALVATO’ || Vorrebbe incontrarla per dirle grazie, perché gli ha salvato la vita. Ammad non sa nuotare, sarebbe affogato se sabato sera una ragazza che passava dalle parti del molo Audace non si fosse tuffata in mare per tirarlo fuori. Il 27enne giocatore di cricket di origine pachistana è finito in acqua in seguito a un’aggressione da parte di ignoti, che lo hanno colpito in testa con una bottiglia di vetro, mentre i due amici che erano con lui venivano presi a calci. Poi gli sconosciuti hanno rubato i loro cellulari ed hanno spinto Ammad in mare dal molo, come racconta lui stesso, ancora incredulo per l’inspiegabile aggressione subita. La bottiglia in testa gli ha procurato una ferita rimarginata con 6 punti. Ammad Alam Khan, che è in Italia dal 2017 ed è capitano della squadra di cricket Trieste United, confessa di non aver ancora raccontato alla madre, che vive in Pachistan, il brutto episodio di violenza che gli è capitato.
Lo sport è la vita per Ammad, che ha ricevuto le medaglie che sfoggia al collo giocando nella squadra di Brescia l’anno scorso. Messaggi di solidarietà sono giunti dal mondo sportivo. Anche Alessandro Claut, presidente della squadra triestina, si unisce all’appello per ringraziare di persona la generosa ragazza che lo ha salvato sabato sera. (Servizio di Laura Buccarella)


videoid(TFTwK4FjKgc)finevideoid-categoria(tg)finecategoria