10/03/2021 TRIESTE – UN ANNO FA IL PRIMO LOCKDOWN: 365 GIORNI CHE SCONVOLGONO L’ITALIA || il 10 marzo dello scorso anno, infatti, entrava in vigore il DPCM che lo stesso primo ministro di allora Giuseppe conte aveva chiamato “Io resto a casa”, e che nelle intenzioni sarebbe durato fino al 3 aprile.
Invece…. Ecco, forse la chiave di lettura di questi 365 giorni sta tutta in questo avverbio, apparentemente innocuo ma in realtà devastante.
Ci era stato detto che si chiudeva tutto, che non ci si poteva abbracciare per poter riaprire tutto e tornare ad abbracciarci, invece…..
Alcune realtà imprescindibili per la vita culturale e sociale del paese erano state chiuse, precauzionalmente, per poter riaprire in tranquillità, invece….
I vaccini erano stati presentati, non più tardi dello scorso dicembre, come la soluzione rapida della pandemia, invece….
Invece, un anno dopo, siamo di nuovo a dover affrontare gli spettri di nuove chiusure, di nuovi lockdown seppure parziali, con attività economiche che riaprono e richiudono, con le scuole alle prese con la Didattica a Distanza, con problematiche di disagio sociale che stanno attanagliando più categorie, ma soprattutto i giovani.
Ma soprattutto, con una stanchezza, da parte della gente, sempre più difficile da contenere.
In questo contesto, Telequattro c’è, e sempre ci sarà. A raccontare la speranza, a testimoniare i passi avanti e i passi indietro, esperienze e delusioni.
In fondo, questo è il nostro lavoro: e il nostro impegno quotidiano, in quest’anno, lo ha dimostrato e lo sta dimostrando. (Servizio di Umberto Bosazzi)


videoid(poX6U4akbmY)finevideoid-categoria(tg)finecategoria