02/04/2021 TRIESTE – ITALIA IN ZONA ROSSA A PASQUA: DEROGA PER VISITA A PARENTI E AMICI || L’Italia sarà interamente in zona rossa nei giorni di Pasqua e pasquetta ma nonostante ciò il Governo ha concesso una deroga che permette la visita ad amici e parenti all’interno della propria regione.
Le regole della zona rossa si allentano, seppur di poco, per le giornate di sabato 3, domenica 4 giorno di Pasqua e lunedì 5 di Pasquetta. In queste date tutta Italia sarà in zona rossa con le ormai risapute regole che impongono la chiusura di molti negozi salvo alimentari, farmacie edicole e altri esercizi, così come restano chiuse palestre piscine teatri cinema musei barbieri parrucchieri eccetera. Chiusi anche bar e ristoranti che permettono però l’asporto e possono praticare la consegna a domicilio. Ogni spostamento dovrà avvenire all’interno del proprio comune e solo se motivato da situazioni di lavoro, salute, urgenza o necessità come l’approvvigionamento di beni nei negozi aperti.
Ok all’attività motoria vicino a casa, sempre concessa l’attività sportiva.
Per questi giorni vietati picnic o gite fuori porta, ma sarà possibile raggiungere la seconda casa anche fuori regione, solo per il nucleo familiare convivente e solo se l’immobile è di proprietà e se è possibile provare di avere effettivamente avuto titolo per recarsi nello stesso immobile anteriormente all’entrata in vigore del Decreto-legge, quindi dal 14 gennaio 2021. Per le seconde case fuori dal FVG bisogna prestare attenzione alle ordinanza emanate ad hoc dalle regioni di destinazione, che in alcuni casi hanno limitato molto gli accessi nei propri territori. E’ possibile far visita ad amici o parenti una sola volta al giorno all’interno della propria regione per un massimo di due persone adulte con minori di 14 anni al seguito, entro i limiti del coprifuoco, quindi dalle 5 alle 22.
C’è poi quel capitolo relativo ai viaggi all’estero: può sembrare paradossale ma è consentito viaggiare per turismo, quindi raggiungere porti e aeroporti con destinazione mete internazionali tenendo però presente le ultime introdotte dal Governo. Il ministro della salute Roberto Speranza ha firmato una nuova ordinanza che stabilisce nuovi vincoli per limitare i contagi da coronavirus. L’ordinanza – che scade il 6 aprile – dispone, «per arrivi e rientri da Paesi dell’Unione Europea, tampone in partenza, quarantena di 5 giorni e ulteriore tampone alla fine dei 5 giorni». La quarantena è già prevista per tutti i Paesi extra Ue. (Servizio di Bernardo Gulotta)


videoid(wSTwrJZb-og)finevideoid-categoria(tg)finecategoria