13/05/2021 TRIESTE – ‘L’URSUS SBARCHERA’ A TERRA SUL MOLO ZERO, DIVENTERA’ IL SIMBOLO DEL PORTO VECCHIO’ || Trascinare l’Ursus a terra e inserirlo nel contesto del Porto Vecchio, a due passi dal Magazzino 26 e del Centro Congressi. La necessità nasce da un possibile problema legato alla sicurezza della storica gru e al contempo l’intento è quello di trasformarlo in un attrattore per cittadini e turisti.
I 5 milioni stanziati per l’Ursus sono frutto di 3 milioni del pacchetto dei 50 messi a disposizione dall’allora Governo Renzi per il rilancio del Porto Vecchio, gli altri 2 sono apportati dall’Autorità Portuale. La sua attuale collocazione in Arsenale è data dalle opere di restauro a cui è sottoposto, attività come il rinnovo della carena del pontone, il rinnovo della sala macchine, gli impianti elettrici e altri interventi.
La zona identificata ma ancora in fase di verifica è il Molo Zero, la stessa che in passato era stata individuata come possibile sede del nuovo mercato ittico, affare poi sfumato. La collocazione vedrebbe l’Ursus inserito con affaccio sul mare in una triangolazione con il centro congressi e il Magazzino 26. L’intento è di arricchire ulteriormente quella zona dell’antico scalo da qualche tempo al centro di una vera e propria scoperta da parte dei cittadini, grazie al Magazzino 26, al Centro congressi e recentemente all’Hub vaccinale. L’Ursus, in questo caso, secondo l’amministrazione, sarà un vero attrattore (Servizio di Bernardo Gulotta)


videoid(6axjGyJfqGw)finevideoid-categoria(tg)finecategoria