17/05/2021 TRIESTE – STOP ALLA QUARANTENA AL RIENTRO IN ITALIA: RIMANE L’OBBLIGO DEL TAMPONE || Stop alla quarantena di cinque giorni per chi rientra in Italia dai paesi dell’Unione Europea e area Schengen. Dopo l’ordinanza firmata ieri dal Ministro della Salute, valida fino al 30 luglio, è decaduto un obbligo, che aveva creato molte polemiche i questi mesi. Tanti sono i cittadini che hanno scelto di non muoversi, per ferie o altri motivi, per il fastidio di dover prevedere i cinque giorni di isolamento una volta rientrati in Italia. Per le questioni nostrane, come non tornare a uno dei valichi confinari maggiori, quello di Rabuiese, per fare il punto della situazione? La classica gita in Slovenia per fare benzina la si fa con più tranquillità, ma attenzione: rimane l’obbligo del tampone antigenico o molecolare con esito negativo nelle 48 ore che precedono l’ingresso in Italia.
Per andare in Slovenia, invece, bisogna esibire un certificato che attesti che la persona abbia contratto il Covid da non più di sei mesi, oppure il certificato di avvenuta vaccinazione (devono essere passati dai 7 ai 21 giorni dalla seconda dose, in base al vaccino) oppure ancora esibire il tampone molecolare o antigenico non più vecchio di 48 ore.
Come monitorato da Telequattro durante tutto il periodo pandemico, invece si sono allentati sempre più i controlli oltre confine da parte della polizia slovena per chi entra nel Paese. Permangono, invece i controlli della guardia di finanza in Italia, per chi arriva da fuori per i più disparati motivi. (Servizio di Gianluca Paladin)


videoid(sdgiVrhMWv8)finevideoid-categoria(tg)finecategoria