10/06/2021 TRIESTE – CASO DELLA BANDIERA, DIPIAZZA: “SONO TRANQUILLO, HO DIFESO IL TRICOLORE” || E’ tranquillo, il sindaco Roberto Dipiazza, dopo la decisione della magistratura triestina di rinviarlo a giudizio con l’accusa di violenza privata. Il primo cittadino, durante le celebrazioni in piazza Unità d’Italia, aveva strappato la bandiera di Trieste listata a lutto dalle mani di un manifestante indipendentista. Tante le reazioni e le attestazioni di solidarietà al sindaco,non solo politiche, come quella di Fratelli D’Italia, ma anche da parte di cittadini che hanno telefonato stamani a Sveglia Trieste e del direttore del Piccolo Omar Monestier
La vicenda giudiziaria accomuna, proprio in questo periodo di campagna elettorale ormai già avviata, Roberto Dipiazza al suo avversario ancora in pectore per il centrosinistra Francesco Russo. Lo stesso gip che ha rinviato a giudizio il sindaco, Massimo Tomassini, ha preso la stessa decisione nei confronti del consigliere regionale ed ex senatore dem che è stato infatti rimandato a processo per le affermazioni rilasciate durante la polemica sull’esclusione degli atleti africani dal Trieste Running festival (Servizio di Laura Buccarella)


videoid(OiOJsQ1Nzpw)finevideoid-categoria(tg)finecategoria