18/06/2021 TRIESTE – 17 CHILI DI MARIJUANA IMPORTATI DALL’ESTERO: PRESI DUE GIOVANI TRIESTINI || 17 chili di marijuana importati in soli 9 mesi per un controvalore di decine di migliaia di euro. Questo il bilancio dell’attività criminale messa in atto da giovani triestini, ancora minorenni all’epoca dei fatti, denunciati dalla guardia di finanza. Il più giovane è stato affidato a una comunità, mentre per il secondo sono scattati gli arresti domiciliari. La coppia agiva con le più moderne tecnologie informatiche utilizzando BitCoin – la moneta digitale che permetteva pagamenti non tracciabili – e attraverso il deep web, quella parte di rete Internet non accessibile con i comuni motori di ricerca. E’ lì che avvenivano i contatti con i fornitori dello stupefacente all’estero. L’indagine delle Fiamme Gialle di Trieste è scaturita da una consegna controllata effettuata nel mese di ottobre 2020 all’aeroporto di Malpensa, dove era giunto un pacco proveniente dal Canada, che conteneva più di 2 kg di marijuana, indirizzato al capoluogo giuliano.
I finanzieri, dopo aver individuato i due giovani destinatari, hanno ricostruito otto episodi di acquisto di stupefacente, avvenuti tra gennaio e ottobre 2020. Visto che parte dei reati sono stati commessi quando i due indagati erano ancora minorenni, l’operazione è stata diretta sia dalla Procura ordinaria sia dalla Procura per i minorenni di Trieste. La marijuana, proveniente anche da Spagna e Olanda, era destinata in parte all’uso personale e in parte allo spaccio. (Servizio di Marco Stabile)


videoid(iRj42usnSHE)finevideoid-categoria(tg)finecategoria